Autorizzo al trattamento dei miei dati personali
ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Inserire il campo email
Inserire un indirizzo email valido
La tua richiesta è stata inviata con successo
Accettare l'informativa sulla privacy

Prodotti & Servizi relative a special care & consumer healthcare

Il marchio Care include prodotti e servizi relativi alla special care e alla salute dei consumatori. L’area si divide in due parti principali:

  • Special Care - prodotti forniti e amministrati ai pazienti da professionisti medici;
  • Consumer Healthcare - prodotti venduti direttamente al consumatore.

 

SPECIAL CARE

TRAPIANTO DI ORGANO SOLIDO

Si parla di insufficienza d’organo quando questo non è più in grado di assolvere alle sue funzioni, con un potenziale rischio per la qualità della vita e la sopravvivenza del paziente.

I reni svolgono numerose funzioni fisiologiche, dal filtrare il sangue eliminando i prodotti di scarto, fino al preservare il bilancio elettrolitico e regolare la produzione di globuli rossi tramite la sintesi dell’ormone eritropoietina. Il grado di compromissione della funzionalità renale viene solitamente misurato tramite analisi di laboratorio, che permettono di valutare l’entità della severità dell’insufficienza. Quest’ultima varia da lieve (grado 1-2) a terminale (grado 5). In questo ultimo caso, le strategie terapeutiche possibili sono la dialisi o il trapianto. La prima rappresenta un trattamento palliativo che sostituisce le funzioni del rene tramite una macchina, ma che costringe nella maggior parte dei casi il paziente a lunghe e fastidiose sessioni ambulatoriali. Nella seconda alternativa, ai reni non più funzionanti ne viene aggiunto uno addizionale per via chirurgica, con lo scopo di sopperire alla funzionalità persa.

 

Ancora più delicata è la situazione in caso di pazienti con insufficienza epatica. Il fegato, infatti, svolge numerose funzioni metaboliche assolutamente fondamentali per la sopravvivenza e, allo stato attuale, non esiste una terapia sostitutiva corrispondente alla dialisi per i pazienti con insufficienza epatica. In caso di trapianto epatico, a differenza del trapianto renale, il fegato originale non più funzionante viene espiantato e sostituito da un nuovo organo.

 

La disponibilità degli organi da trapiantare, molto inferiore rispetto alla richiesta, e la compatibilità biologica ed immunologica tra organo e ricevente rappresentano due importanti fattori limitanti per un trapianto. Fisiologicamente infatti, il sistema immune si occupa di proteggere un organismo da potenziali patogeni esterni, riconoscendo ciò che gli appartiene ( self ) da ciò che gli è estraneo (non-self ). Nonostante questo meccanismo sia fondamentale nel difendere un individuo sano, in un paziente trapiantato che riceve un organo da un donatore (e quindi, non-self ), il sistema immune finisce col riconoscere e quindi attaccare l’organo trapiantato (rigetto). Lo standard terapeutico attualmente in uso per la prevenzione del rigetto d’organo è rappresentato da una combinazione di farmaci immunosoppressivi, con lo scopo ideale di deprimere il sistema immune tanto da non attaccare l’organo trapiantato, ma non tanto da esporre l’individuo ad un aumentato rischio di infezioni opportunistiche. Questa terapia viene somministrata per tutta la vita dell’organo trapiantato che nel caso del rene è intorno ai 10 anni, mentre è leggermente inferiore in caso di trapianto di fegato.

Lo standard terapeutico attualmente in uso è una tripla combinazione, di cui il tacrolimus costituisce il pilastro principale.

PRODOTTI

 

PATOLOGIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI

Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) comprendono due tipi di patologie: la colite ulcerosa e la malattia di Crohn. La causa dell’infiammazione cronica dell’intestino è tuttora sconosciuta, ma, tra le ipotesi formulate, la più accreditata è quella di una reazione anomala nei meccanismi di regolazione del sistema immunitario. Nelle riacutizzazioni della malattia possono avere un ruolo importante anche alcuni batteri e virus. Le patologie intestinali croniche hanno un certo grado di familiarità, ma non sono malattie ereditarie.

La colite ulcerosa è una malattia infiammatoria cronica che interessa la superficie interna dell’intestino, colpisce essenzialmente il retto, ma può estendersi anche in parte o totalmente al colon. Alcuni aspetti clinici di questa patologia possono essere riscontrati anche nella malattia di Crohn, che, a differenza della colite ulcerosa, interessa tutto il tratto gastro-enterico.

 

PRODOTTI

 

PRIMARY CARE

ARTRITE REUMATOIDE

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica di origine autoimmune, ovvero scatenata da una anomala reazione del sistema immunitario, che colpisce le articolazioni del corpo. Si manifesta più frequentemente nelle donne e mediamente insorge tra i 40 e i 60 anni di età, con una sintomatologia improvvisa che va aggravandosi progressivamente fino a produrre vere e proprie deformità ossee. Le articolazioni colpite sono inizialmente quelle delle estremità, le piccole articolazioni delle mani e dei piedi che si infiammano provocando rigidità, dolori, tumefazioni e, col tempo, anche calcificazioni che compromettono irrimediabilmente la funzionalità degli arti. Attraverso un trattamento appropriato della riduzione del dolore è comunque possibile mantenere una buona qualità di vita.

 

SPONDILITE ANCHILOSANTE

La spondilite anchilosante è una patologia reumatica invalidante, che colpisce la colonna vertebrale ed il sistema muscolo scheletrico in genere. È una malattia sistemica, cronica ed autoimmune che, nei casi più gravi, provoca una vera e propria fusione delle articolazioni. Dopo l'artrite reumatoide, rappresenta la malattia degenerativa più frequente e più grave. Allo stadio iniziale, il dolore interessa la colonna vertebrale, per poi colpire le estremità inferiori, le ginocchia e le spalle. Nei casi più gravi, la patologia può provocare invalidità totale.

 

OSTEOARTRITE

L'osteoartrite, più comunemente conosciuta come artrosi, è una malattia che colpisce le articolazioni, da non confondere con l’artrite reumatoide. Provoca il deterioramento della cartilagine articolare, il tessuto che copre le estremità delle ossa in un’articolazione. La cartilagine sana permette il movimento nell’articolazione, evitando che le ossa entrino in attrito tra loro e attutisce l'impatto generato dai movimenti del corpo. Nell’osteoartrite, la cartilagine si usura e si deteriora provocando strofinamento delle ossa, con conseguente dolore, gonfiore e perdita di movimento nell'articolazione.

PRODOTTI
PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI

Le malattie cardiovascolari costituiscono la principale causa di morte nei paesi industrializzati. Le più comuni sono l'infarto del miocardio e l’ictus. Sono causate da una combinazione di molteplici fattori di rischio, ovvero le condizioni che aumentano la probabilità di insorgenza della malattia. Vi sono fattori di rischio non modificabili come l'età, l’ereditarietà e il sesso, mentre altri, come la pressione arteriosa, la colesterolemia, il sovrappeso, il diabete e il fumo di sigaretta si possono controllare per ridurre la possibilità di sviluppare malattie cardiovascolari.

Nell’ambito della prevenzione di queste patologie dedichiamo grande attenzione alla terapia dell’ipertensione. L’ipertensione rappresenta uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare, aumentando sostanzialmente la probabilità di eventi avversi cardio-, cerebro-, e reno-vascolari. L’eventuale associazione con altri fattori di rischio come l’ipercolesterolemia, il fumo, il diabete determina un aumento significativo di tale probabilità. La scelta terapeutica antiipertensiva deve, quindi, basarsi sulla quantificazione del rischio cardiovascolare globale del singolo paziente, determinato in base all’età, al sesso, alla pregressa occorrenza di eventi cardiovascolari e alla presenza di altri fattori di rischio associati.

CONSUMER HEALTHCARE

Il portafoglio Consumer Healthcare comprende numerosi prodotti di marca volti a fornire alle persone una gamma di soluzioni sanitarie e di cura personale che migliorano la loro salute e il loro benessere.

Il portafoglio è composto da prodotti locali Chiesi OTC, diversi da paese a paese, e dal portafoglio NHCO (ad oggi disponibile principalmente in Francia)

 

Il portafoglio di prodotti OTC, con presenza in Italia, Spagna, Germania, Brasile e Grecia, copre diverse aree come tosse e raffreddore, probiotici, malattie intestinali, perdita di peso, creme, cerotti per il dolore e altri.

 

NHCO è un'azienda francese di integratori alimentari fondata nel 2008 e acquisita da Chiesi nel 2018. Leader nel mondo della micronutrizione, NHCO si concentra sulla ricerca e lo sviluppo di formule a base di aminoacidi, attraverso una scienza innovativa chiamata AMINOSCIENCE®. La connotazione scientifica NHCO si distingue dal nome ed è un acronimo delle lettere che identificano Azoto, Idrogeno, Carbonio e Ossigeno, gli elementi costitutivi di tutti gli amminoacidi.

 

AMINOSCIENCE® costituisce lo studio e la comprensione degli amminoacidi e della loro applicazione come integratori alimentari, concentrandosi sulla produzione di complessi brevettati che combinano amminoacidi a piante, vitamine e minerali con l'obiettivo di sviluppare prodotti che forniscano risposte specifiche, potenti e altamente tecniche per gli individui che cercano soluzioni per migliorare la funzione fisiologica del proprio corpo.

 

NHCO propone un elevato numero di prodotti che spaziano dal segmento salute (es. sonno, menopausa, comfort articolare, multivitaminici) alla salute dermatologica, fino a performance, aminoacidi puri, minerali, salute respiratoria e immunità infantile.

ocianews.com bahis siteleri casino siteleri tarafbet