Inserire almeno tre caratteri
Home > Comunicati stampa > Kaia Health e il Gruppo Chiesi annunciano una...

Autorizzo al trattamento dei miei dati personali
ai sensi del D.L. 30 giugno 2003 n. 196
Inserire il campo email
Inserire un indirizzo email valido
La tua richiesta è stata inviata con successo
Accettare l'informativa sulla privacy

Kaia Health e il Gruppo Chiesi annunciano una partnership strategica per la commercializzazione dell’app Kaia COPD per la riabilitazione polmonare in Europa

Data: 30/11/2020

L'accordo rappresenta una partnership storica per la cura dell’apparato respiratorio in Europa

 

MONACO DI BAVIERA e PARMA, 30 novembre 2020 - Kaia Health, azienda leader nel settore delle terapie digitali, e il Gruppo Chiesi, gruppo farmaceutico internazionale orientato alla ricerca, hanno annunciato di aver stipulato una partnership esclusiva per la commercializzazione in Europa di Kaia COPD Management, l’app per la riabilitazione polmonare in pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) di Kaia Health. L’accordo segna uno dei primi casi di collaborazione, nell’ambito della cura dell’apparato respiratorio, tra un’azienda di terapie digitali e un’azienda farmaceutica, per offrire ai pazienti una soluzione digitale che contribuisca a migliorare i risultati dei trattamenti per la BPCO, introducendo un cambiamento comportamentale, piuttosto che la somministrazione di altri farmaci.

 

La BPCO rappresenta un costo enorme per i sistemi sanitari in Europa. In Italia, si stima che la BPCO incida sul Sistema sanitario nazionale e sui pazienti per un costo di circa 59 miliardi di euro ogni anno1. La BPCO colpisce il 3% della popolazione italiana2 e rappresenta la quarta maggiore causa di morte3. In Italia la riabilitazione polmonare è attualmente dispensata a meno del 15% dei pazienti affetti da BPCO che ne hanno indicazione4. Nell’ambito dell’accordo di collaborazione, la terapia digitale basata su evidenze di Kaia Health per la BPCO, che offre un’esperienza di riabilitazione polmonare fisica personalizzata, sarà introdotta soprattutto nei principali mercati europei.

 

La soluzione Kaia COPD Management consiste in un software basato su una app per mobile, accessibile tramite smartphone o tablet iOS e Android, e in un’interfaccia per il supporto motivazionale che può essere fornito da personale specializzato, ad esempio coaches o operatori sanitari. L’app digitalizza e propone un percorso di riabilitazione polmonare fisica - una componente essenziale del trattamento della BPCO 5 - accessibile e conveniente, direttamente a casa sullo smartphone del paziente. Kaia COPD Management offre una formazione completa e sessioni di allenamento giornaliere personalizzate, con esercizi di mindfulness e antistress, potenziati dall’assistenza di un istruttore e da una terapia personalizzata. La soluzione Kaia COPD Management è stata valutata con uno studio pilota ed è attualmente oggetto di un RCT (studio randomizzato controllato) in Europa. L’app Kaia COPD Management ha ottenuto il marchio CE ed è riconosciuta in Europa come dispositivo medico di classe 1.

 

“La nostra partnership strategica con Chiesi, una società globale in crescita e con una presenza commerciale consolidata in Europa, apporta un patrimonio di esperienza nel panorama della salute respiratoria in Europa, ampliando al contempo l’accesso dei pazienti alla riabilitazione polmonare fisica digitale basata su evidenze” ha dichiarato Konstantin Mehl, Fondatore e Presidente di Kaia Health. “Tutto il team di Kaia Health è entusiasta di unire le proprie forze con quelle di Chiesi per migliorare il trattamento dei pazienti affetti da BPCO e la loro qualità di vita attraverso terapie digitali”.

 

Kaia Health è membro della Digital Therapeutics Alliance (DTA), un’associazione internazionale senza scopo di lucro composta da leader e stakeholder del settore, impegnati nel progresso delle terapie digitali basato sulle evidenze. 

 

“Siamo lieti di collaborare con Kaia Health per completare e rafforzare ulteriormente il nostro portafoglio nel settore delle terapie respiratorie, migliorando la nostra capacità di affrontare il trattamento del paziente con un approccio non farmacologico” ha dichiarato Ugo Di Francesco, Amministratore Delegato del Gruppo Chiesi. “Questo accordo conferma l’impegno di Chiesi a garantire il massimo livello possibile di assistenza e qualità della vita alle persone affette da BPCO e altre patologie respiratorie, andando ben oltre i semplici problemi che possono essere risolti con terapie farmacologiche. Siamo rimasti colpiti dall’esperienza acquisita ad oggi da Kaia Health che ha introdotto soluzioni digitali di grande impatto sul mercato europeo e non vediamo l’ora di aiutare i pazienti europei affetti da BPCO a beneficiare della loro esperienza”.

 

“Per molti anni, le evidenze6 hanno dimostrato l’efficacia della riabilitazione polmonare nel trattamento della BPCO, grazie all’attività fisica e a strategie di autogestione centrate sul paziente, ma permane una grave carenza di accesso a tali terapie7” ha affermato Stephan Huber, M.D., Chief Medical Officer di Kaia Health. “Sulla base della nostra precedente esperienza sulla salute muscoloscheletrica e del lavoro che stiamo svolgendo sulla BPCO, Kaia Health mira a creare un accesso scalabile a queste terapie per i pazienti affetti da BPCO; per questo, siamo entusiasti di collaborare con Chiesi in questa missione”.

 

“Intendiamo offrire una soluzione che sia prima di tutto incentrata sul paziente e poi digitale”, ha sottolineato ancora Stephan Huber. “La nostra soluzione per la BPCO è una versione realmente digitalizzata di elementi chiave di autogestione della riabilitazione polmonare fisica, che mira a migliorare l’accesso a un intervento comportamentale testato per la BPCO8 attraverso un programma digitale rapidamente scalabile e incentrato sul paziente”.

 

“Chiesi, tradizionalmente e con orgoglio, ha sempre sviluppato trattamenti innovativi per i pazienti” ha aggiunto Giovanna Amadori, Head of Global Strategy and Corporate Development del Gruppo Chiesi. “Piuttosto che offrire un intervento digitale che generi solo vantaggi collaterali, la collaborazione con Kaia Health conferma la nostra intenzione di proporre una soluzione incentrata sul paziente, che sfrutta la tecnologia digitale per massimizzarne l’accesso alle cure”. 

 

Informazioni sulla BPCO

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è una condizione a lungo termine che causa infiammazione a livello di polmoni e di tessuto polmonare danneggiato oltre che un restringimento delle vie aeree, rendendo difficile la respirazione. Secondo uno studio pubblicato sullo European Journal of Health Economics9, la BPCO può limitare gravemente le attività quotidiane e la produttività sul lavoro oltre che influire negativamente sui comportamenti sociali e sul sonno. Sebbene la BPCO non possa essere curata, può essere prevenuta e la qualità della vita migliorata con interventi mirati. La riabilitazione polmonare, in particolare, ha dimostrato di essere particolarmente efficace nel migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da BPCO e la sua adozione è fortemente incoraggiata dalle linee guida internazionali 4.

 

Il Gruppo Chiesi 

Con sede a Parma, in Italia, Chiesi Farmaceutici è un gruppo internazionale orientato alla ricerca, con 85 anni di esperienza nel settore farmaceutico, presente in 29 Paesi. Ricerca, sviluppa e commercializza farmaci innovativi nelle terapie respiratorie, nella medicina specialistica e nelle malattie rare. La Ricerca e Sviluppo del Gruppo ha sede a Parma (Italia) e si integra con altri 5 importanti centri di ricerca e sviluppo in Francia, Stati Uniti, Canada, Regno Unito e Svezia, per promuovere i propri programmi preclinici, clinici e regolatori. Il Gruppo impiega oltre 6000 persone. Chiesi è un’azienda certificata B Corp dal 2019: ovvero è tenuta per legge a tenere conto dell'impatto delle sue decisioni su dipendenti, clienti, fornitori, comunità e ambiente. Si tratta di un movimento globale che vede il business come una forza di impatto positivo. L’azienda, inoltre, è impegnata per raggiungere la neutralità carbonica, ovvero l’impatto zero sull’ambiente, entro il 2035.

 

 

 

Kaia Health

Kaia Health è un’azienda di terapie digitali che crea trattamenti accessibili e basati sulle evidenze per una serie di disturbi, tra cui mal di schiena, BPCO e osteoartrite. Collaborando con esperti di diverse specializzazioni mediche, l’azienda utilizza la machine learning per fornire app personalizzate tese a responsabilizzare e motivare i pazienti ad assumere il controllo e l'autogestione della loro condizione con alternative digitali domestiche, utilizzando dispositivi già in loro possesso (ad esempio smartphone e tablet). Ad oggi Kaia Health ha reclutato oltre 450.000 utenti per il suo programma di terapia digitale. Kaia Health è membro di Digital Therapeutics Alliance (DTA), un'associazione internazionale senza scopo di lucro di leader e stakeholder del settore impegnati nel progresso delle terapie digitali basato sulle evidenze. Kaia ha uffici a New York e Monaco. Per maggiori informazioni su Kaia Health, visitare il sito www.kaiahealth.com.

 

 

Contatti per la stampa:

 

Chiesi Group

Valentina Biagini

Senior Global Communication Manager

V.biagini@chiesi.com

+39 348 7693 623

 

Alessio Pappagallo

Global Communication Manager

a.pappagallo@chiesi.com

+39 339 5897483

 

Kaia Health

Harry Cymbler

Founder, Hot Cherry PR

harry@hotcherry.co.uk

+44(0) 7801 289 996

 

 

Riferimenti

 

1Dal Negro RW. COPD: The Annual Cost-Of-Illness during the Last Two Decades in Italy, and Its Mortality Predictivity Power. Healthcare (Basel). 2019 Mar 1;7(1):35.

2XII Report Health Search 2019

3https://www.epicentro.iss.it/broncopneumopatia/epidemiologia

4Maio S, Baldacci S, Martini F, et al. COPD management according to old and new GOLD guidelines: an observational study with Italian general practitioners. Curr Med Res Opin 2014; 30:1033-42

5 Pleguezuelos, E et al. (2017). Recommendations on Non-Pharmacological Treatment in Chronic Obstructive Pulmonary Disease From he Spanish COPD Guidelines. Archivos de Bronconeumología. 54 (11), pg. 568-575.

6 Celli, B et al. (2014). An Official American Thoracic Society/European Respiratory Society Statement: Research Questions in Chronic Obstructive Pulmonary Disease. ATS Journal. 191

7 Finizio, D et al. (2015). Understanding inequalities in COPD prevention and care policies across Europe. ERS. 46 (59)

8 Romain, A et al. (2001). Global Strategy for the Diagnosis, Management, and Prevention of Chronic Obstructive Pulmonary Disease. ATS Journal. 165 (5)

9 Miravitlles, M & Ribera, A. (2017). Understanding the impact of symptoms on the burden of COPD. BMC Respiratory Research. 18 (67)